ViDay ha scelto come location Filmstudio, situato nel quartiere Trastevere in pieno centro di Roma. Filmstudio ha una Storia di ricerca, sperimentazione e di promozione cinematografica, di grandissimo rilievo a livello Internazionale.

Filmstudio da decenni protrae attività di promozione e diffusione del cinema di qualità.

Secondo un unanime riconoscimento il Filmstudio è stato il luogo privilegiato per la formazione di nuovi registi, studiosi, operatori culturali e, più in generale, per la formazione di un nuovo pubblico, più esigente e consapevole.

La sede di Filmstudio è stata ristrutturata e ridisegnata dall'architetto Paolo Portoghesi.

Il locale è stato uno spazio polivalente utilizzato per prove teatrali (il Living Theatre vi ha provato spesso) e trasformato in una sorta di studio cinematografico che veniva offerto per riprese in interni o per riunioni preparatorie non solo a cineasti indipendenti, ma anche a grandi autori (nel 1969, per esempio, a Jean Luc Godard per Vento dell'est, il suo unico lungometraggio italiano). Diversi, poi, furono gli incontri con i maestri Italiani della luce, Storaro, per esempio, con l'intervento di grandi registi come Antonioni.

Il Filmstudio è stato uno dei punti d'incontro, di scambio e di promozione per i cineasti, italiani e stranieri, che realizzavano i loro film in maniera indipendente e volevano distribuirli in circuiti paralleli, in Italia ed all'estero e per questo, sin dalla sua nascita, ha collaborato sistematicamente con istituzioni culturali prestigiose quali la Cineteca Nazionale, il Festival di Venezia, il Goethe Institut di Roma, il Centre Culturel Français, il MOMA, etc., stringendo anche ottimi rapporti con Henri Langlois, il "mitico" fondatore della Cinémathèque Française.

Al Filmstudio sono stati presentati per la prima volta nel nostro Paese i cortometraggi e i lungometraggi di Wenders, Fassbinder, Herzog (e degli altri cineasti dei Nuovo Cinema Tedesco) e diversi film di Glauber Rocha, Solanas, Godard, Rohmer, Robert Kramer, Straub e Huillet. L'associazione ha, inoltre, realizzato le più importanti retrospettive italiane di "New American Cinema", di "Cinema d'artista" italiano e americano, di cinema indipendente italiano, di cinema underground europeo. Vaste e strepitose, infine, le rassegne dedicate al cinema delle Avanguardie storiche (cinema espressionista, dadaista, surrealista e lettrista).

Nel 1975, Filmstudio divenne l'unica "multisala" italiana, iniziando contemporaneamente un'altra attività: quella di scoprire e promuovere nuovi talenti del "giovane" cinema italiano. Nello stesso anno propone in anteprima Anna, il videofilm di Alberto Grifi e di Massimo Sarchielli e nel 1976 "scopre" un autore giovane ma promettente, Nanni Moretti, e crea un caso clamoroso con il suo primo lungometraggio in super8, Io sono un autarchico.

Hanno frequentato il Filmstudio numerosi cineasti e tra questi: Gianni Amelio, Gianni Amico, Michelangelo Antonioni, Dario Argento, Pupi Avati, Marco Bellocchio, Bernardo e Giuseppe Bertolucci, Liliana Cavani, Peter del Monte, Marco Ferreri, Jean Luc Godard, Pierre Clementi, Franco Brusati, Gregory Markopoulos, Salvatore Piscicelli, Pier Paolo Pasolini, Roberto Rossellini, Jean Marie Straub, Daniele Huillet, Paolo e Vittorio Taviani, Luchino Visconti. E dei veri e propri numi tutelari del Filmstudio sono stati: Alberto Moravia, Aldo Moro, Roberto Rossellini, Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Michelangelo Antonioni, Jean Luc Godard e Jean Marie Straub.

Dal 1983 Filmstudio è inserito nell'elenco delle "Istituzioni culturali d'interesse nazionale" redatto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali

ViDay si svolge presso la Sala Blu di Filmstudio:

Posti 80.

Impianto di Videoproiezione:
Proiettore Kinoton FP30D.
Reverse Scan con diodo laser.

Impianto audio:
Processore analogico Dolby CP45
per formati Dolby A e Dolby SR.

Cinema Filmstudio:
V.degli Orti d'Alibert 1/c, Roma (Trastevere).

Per raggiungere il Filmstudio LINEE / BUS:
23 Serv. feriale e festivo - ultima corsa ore 24.00
La fermata più vicina al Filmstudio è quella sul Lungotevere Gianicolense, altezza Ponte Mazzini

280 Serv. feriale e festivo - ultima corsa ore 24.00
La fermata più vicina al Filmstudio è quella sul Lungotevere Gianicolense, altezza Ponte Mazzini

125 Serv. feriale e festivo - ultima corsa ore 01.30
La fermata più vicina al Filmstudio è su Via della Lungara, altezza incrocio con Via degli Orti d'Alibert.